Alta tensione a Mosca. Arrestato l’oppositore Alexei Navalny, fermato durante una manifestazione contro Medvedev

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sempre più alta la tensione a Mosca e in tutta la Russia. Oggi l’oppositore Alexei Navalny è stato fermato dalla polizia nel corso di una manifestazione anticorruzione a Mosca: è stato caricato su un pulmino della polizia e la folla ha assaltato il pulmino urlando “fascisti, liberatelo”.

Navalny ha organizzato diverse manifestazioni anticorruzione in varie città della Russia. Nel mirino il premier Dmitry Medvedev, accusato di controllare un vero e proprio impero attraverso un network di organizzazioni non-profit. Oltre al fermo dell’oppositore si registrerebbero diversi altri fermati.

Da qui, secondo quanto riferito dai media russi, sarebbero scoppiati tafferugli e proteste non solo a Mosca, ma anche a San pietroburgo. Navalny è di fatto il simbolo dei movimenti di protesta, specie dopo che ha annunciato l’intenzione di candidarsi alle prossime elezioni presidenziali. Secondo siti dell’opposizione il corteo a Novosibirsk in Siberia ha visto la partecipazione di circa duemila persone, mentre i manifestanti erano circa 1.500.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA