Altre quattro teste tagliate

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Ancora video e teste tagliate. Il filmato mosta quattro cittadini egiziani decapitati dai jihadisti del Sinai, in Egitto, vicini ad al Qaida. L’esecuzione sarebbe avvenuta perché i quattro sono stati reputati delle spie del Mossad; avrebbero fornito informazioni ai servizi segreti israeliani per un raid dello scorso 23 luglio. Il gesto è stato rivendicato da Ansar Bayt al-Maqdis, la formazione jihadista attiva nell’area. Non era mai accaduto che terroristi eseguissero decapitazioni pubbliche in Egitto. Ora non resta che attendere gli esami che chiariranno l’autenticità o meno del video.

Il video è stato pubblicato su YouTube e dura circa cinque minuti e mezzo. Si vedono chiaramente otto uomini armati e con il volto coperto da passamontagna e in primo piano il loro presunto leader, che legge la condanna a morte per i quattro cittadini egiziani che sono bendati e in ginocchio davanti a lui. E nella notte scorsa i jihadisti dello Stato islamico hanno giustiziato «decine di soldati siriani» fuggiti dalla base aerea di Tabqa, nel nord della Siria.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA