Altro che Rocco Siffredi. È Antonio Razzi il vero stallone d’Abruzzo. Il senatore: “Ho avuto più di mille donne. A ognuna davo un voto”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Saranno le sue origini abruzzesi, le stesse di Rocco Siffredi, a fare del senatore Antonio Razzi un vero stallone. Almeno a detta sua. Visto che, intervendendo a Un Giorno da Pecora, il senatore ha spiegato di aver avuto più di mille donne. Eppure Razzi è sposato da decenni. “Mia moglie? Stiamo insieme da 42 anni. Certo, prima di sposarmi l’ho tradita”, ha detto Razzi, “Ma prima di sposarsi cosa deve fare un ragazzo di 20 anni? Poi dopo il matrimonio ho chiuso baracca e barattelle”.

“D’altra parte ho avuto più di mille donne”, ha spiegato il senatore abruzzese, “segnavo tutte le esperienza su un quaderno, ma poi mia moglie me l’ha buttato. Peccato: volevo tenermelo per la pensione, per ricordare i bei tempi. Ad alcune ho dato un 10+, conoscevano tutto dalla A alla Z, sapeva tutti i passaggi. Loro conoscevano tutti i sentieri per salire in montagna, tra i boschi. Con alcune siamo arrivati fino alle cima delle montagne, sul Pilatus, quando vivevo in Svizzera”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA