Altro che rottamazione. Ennesima poltrona pubblica per il dalemiano Andrea Pèruzy

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Stefano Sansonetti

Non c’è che dire, è un pluripoltronato di grande energia. L’ultima novità in ordine di tempo è che Andrea Pèruzy è stato designato amministratore delegato dell’Acquirente Unico Spa, società indirettamente controllata dal Tesoro che si occupa del cosiddetto servizio di “maggior tutela”, in pratica la fornitura di energia elettrica a famiglie e piccole imprese. Curioso notare come il Governo del rottamatore Matteo Renzi, quando si tratta di nomine pubbliche, riesca a rottamare ben poco. Pèruzy, infatti, è da una vita un dalemiano di ferro, tutt’ora segretario generale della fondazione Italianieuropei presieduta dall’ex premier del Pd. Ma soprattutto “mastica” da sempre l’ambiente delle poltrone pubbliche. Per tanti anni, per esempio, è stato nel Cda della semipubblica Acea. E oggi siede pure nel Cda di un’altra società del Tesoro, ovvero la Consap (Concessionaria dei servizi assicurativi pubblici). All’Acquirente Unico Pèruzy è arrivato anche grazie alla sponsorizzazione di un manager molto vicino al Pd romano, Francesco Sperandini, Ad del Gse Spa (il Gestore servizi energetici che controlla l’Acquirente Unico e che a sua volta è controllato dal Tesoro). E a far premio sono state anche le spinte della bersaniana Sara Romano, capo del Dipartimento energia del ministero dello Sviluppo. Peccato però che nel ddl Concorrenza, all’esame del Parlamento, si prefiguri la fine del servizio di maggior tutela gestito dall’Acquirente Unico a partire dal 2018. E con esso, di conseguenza, la fine della stessa società. Che senso ha, pertanto, aver designato un nuovo amministratore e un nuovo Cda di una società destinata all’estinzione? Vai a sapere. Ad ogni modo sembra che Pèruzy conosca bene il settore dell’energia. Risulta infatti vicepresidente di Hfv Spa, società che gestisce impianti fotovoltaici, così come siede negli organi della Saxa Gres, altra società che si occupa di fonti alternative. Da qui la domanda che negli ambienti già comincia ad aleggiare: ma era proprio opportuno nominare Pèruzy Ad di una società, l’Acquirente Unico, che è controllata da una società, il Gse, che si occupa di incentivi alle rinnovabili?

Twitter: @SSansonetti