Carcere mortale. Ancora un suicidio a Regina Coeli: è allarme sicurezza. Dopo il presunto killer del gioielliere s’impicca un romeno di 18 anni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo il presunto killer che si è suicidato a Regina Coeli c’è un altro detenuto che si è tolto la vita impiccandosi nello stesso carcere romano. Si tratta di un romeno di 18 anni arrestato a fine aprile dai carabinieri del Nucleo investigativo di via In Selci, insieme a un connazionale, con l’accusa di aver ucciso nella Pineta Sacchetti il truccatore dei vip Mario Pegoretti, massacrato di botte per 50 euro e un orologio del valore di appena 150 euro. Era in isolamento nella settima sezione, la stessa in cui era detenuto il presunto killer del gioielliere, e le modalità del suicidio sarebbe del tutto simili a quelle di Ludovico Caiazza. E ora scatta di nuovo l’allarme sicurezza nelle carceri italiane.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA