Amatriciana coi Vip per la ricostruzione. Oltre 1.500 persone all’evento benefico. Raccolti 23 mila euro per i terremotati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

14 (30)Una pasta alla amatriciana per Amatrice, servita da camerieri Vip.Un mix perfetto quello che ha condito la serata organizzata alla pizzeria La Montecarlo di Roma. Una folla entusiasta ha preso d’assalto, già dalle sei di pomeriggio, il locale di Vicolo Savelli.

I CAMERIERI – Foto, selfie e scambio di battute con gli attori ammirati sul piccolo e grande schermo hanno trasportato fiumi di persone. Che oltre a fornire il contributo benefico alle popolazioni colpite dal sisma dello scorso 24 agosto, hanno potuto vedere da vicini i loro attori preferiti. A servire l’ottima pasta all’amatriciana c’erano Raoul Bova, Alessandro Gassmann, Claudio Amendola, Valerio Mastandrea, Sabrina Impacciatore, Marco Giallini, Edoardo Leo, Vinicio Marconi, Rolando Ravello, Anna Foglietta, Elio Germano e Massimiliano Bruno. Non serviva prenotarsi, ma sol2 Paolo Genovese e Giangi Supertio armarsi di santa pazienza. Ma mai attesa è stata più piacevole per gli intervenuti che hanno contribuito con 15, per un piatto di amatriciana e una bibita a scelta, ad aiutare i terremotati a cui sono stati devoluti integralmete tutti i fondi raccolta nella serata. La storica pizzeria La Montecarlo ha scelto di devolvere tutto l’incasso all’associazione Vico Badio di Fonte del Campo di Accumoli, il paesino epicentro del sisma del 24 agosto.

IL CUORE DEI ROMANI – 4 Sabrina Impacciatore (1)A supportare l’iniziativa benefica il pastificio Rummo. Durante la serata sono stati raccolti 23.600 euro, come ha annunciato Gassmann in un tweet: “una goccia in un mare ma preziosa come tutte le altre”. Un discreto successo visto che i biglietti staccati all’entrata sono stati oltre 1.500. Tutti tornati a casa con il sorriso per il gesto di solidarietà appena compiuto in favore delle non distanti popolazioni colpite dal sisma, per l’ottima Amatriciana mangiata e per aver trascorso una serata fianco a fianco con i camerieri per una sera che hanno sposato la causa dell’evento “Oggi servo io”.