Gli americani dopo vent’anni lasciano l’Afghanistan. Partito l’ultimo volo. I talebani festeggiano sparando colpi per le strade di Kabul

Usa Afghanistan Donahue
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Gli americani, dopo vent’anno di missione, hanno lasciato l’Afghanistan. L’ambasciatore Ross Wilson e il generale Chris Donahue, ritratto in un’immagine diventata subito virale (nella foto), sono stati gli ultimi due americani a lasciare Kabul alla scadenza del 31 agosto.

Il presidente Joe Biden ha annunciato un intervento per questa sera a commento della fine dell’impegno americano in Afghanistan. “Spiegherò al popolo americano – ha detto il presidente Usa – perché non ho prolungato la nostra presenza oltre il 31 agosto”. Biden ha ribadito di attendersi dai talebani che lascino partire quelli che lo vogliono, ora che gli integralisti hanno il controllo completo di Kabul. “La comunità internazionale si aspetta che i talebani mantengano le promesse – ha concluso – Si sono impegnati a garantire un passaggio sicuro e il mondo rispetterà gli impegni”.

“Un nuovo capitolo dell’impegno dell’America in Afghanistan è cominciato. Lo condurremo con la diplomazia. La missione militare è finita. Una nuova missione diplomatica è cominciata” ha detto, invece, il segretario di Stato, Antony Blinken, nel suo messaggio conclusivo sulla missione in Afghanistan, a poche ore dalla partenza dell’ultimo aereo militare da Kabul.

Nel corso del briefing, Bliken ha riferito che la rappresentanza diplomatica è stata spostata da Kabul a Doha. Secondo il segretario di stato Usa gli americani desiderosi di lasciare l’Afghanistan dopo il ritiro delle truppe americane sono “sotto i 200, probabilmente siamo più vicini a 100”.

Gli Usa continueranno a mandare aiuti all’Afghanistan ma “non passeranno attraverso il governo” dei talebani: ha poi aggiunto il segretario di stato , precisando che essi transiteranno attraverso organizzazioni indipendenti compresa l’Unhcr, l’Agenzia Onu per i rifugiati.

Per festeggiare la partenza da Kabul dei soldati Usa, hanno riferito Associated Press e la France Presse, sono stati sparati colpi in diverse zona della capitale afghana, in particolare dai check point dei talebani, mentre urla di giubilo si sono innalzate da postazioni nella ex green zone.

I talebani proclamano la “piena indipendenza” dell’Afghanistan dopo la partenza dell’aeroporto di Kabul delle ultime truppe Usa. Il portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, ha detto che “i soldati americani hanno lasciato l’aeroporto di Kabul e la nostra nazione ha ottenuto la sua piena indipendenza”.

Leggi anche: I talebani non hanno un soldo. Mosca chiede agli Usa di finanziarli. La proposta del plenipotenziario di Putin a Kabul. Intanto slitta ancora la convocazione del G20.