La legge è uguale per tutti. Anche al Parlamento sarà necessario esibire il certificato verde. Respinti dalla Camera i ricorsi e i controricorsi dei deputati No Green Pass

SARA CUNIAL
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Per entrare alla Camera dei Deputati è necessario esibire il Green Pass. Si conclude definitivamente la partita dei ricorsi e dei controricorsi dei deputati contro l’obbligo di presentazione del certificato verde per accedere a Montecitorio. A deciderlo, conformandosi alla recente sentenza della Consulta che stabiliva come l’obbligo vale anche al Parlamento, è stato il collegio d’appello della Camera che ha bocciato l’istanza presentata da alcuni deputati tra cui la No Green Pass, Sara Cunial.

Leggi anche: A Palazzo Madama sospesa per 10 giorni la No Green Pass Granato. La senatrice di Alternativa C’è si è rifiutata di mostrare il certificato

Secondo il collegio “non si riscontra alcune manifesta lesione delle attribuzione proprie dei parlamentari, come peraltro rilevato anche dalla Corte costituzionale”. Non si ravvisa, si legge nel testo, “neppure una diminuzione, anche solo di fatto, della potestà di autogoverno  spettante alle Assemblee legislative ed esercitata dai rispettivi Uffici di Presidenza”. Non solo. Nell’ordinanza i giudici spiegano come “la tutela della salute pubblica garantita dall’articolo 32 della Costituzione”, “comporta che i membri del Parlamento siano tenuti, al pari e più di ogni altro cittadino, ad applicare il fondamentale criterio di civiltà giuridica riassunto nell’indicazione del neminem laedere, e quindi a non porre a rischio con il proprio comportamento la salute collettiva”.

Leggi anche: “Sono un’onorevole, non fornisco le mie generalità”: la deputata Sara Cunial indagata ad Aosta per oltraggio e minaccia a un pubblico ufficiale