Anche per la Nato il missile che ha colpito la Polonia era ucraino

Un aereo della Nato ha tracciato il missile finito in Polonia uccidendo due persone nel villaggio di Przewodów.

“Siamo in contatto diretto con i nostri alleati della Nato. Sottolineo: non abbiamo prove precise che ci permettano di concludere che si è trattato di un attacco alla Polonia”. È quanto ha detto il presidente polacco, Andrzej Duda (nella foto) riferendosi al missile caduto ieri sul villaggio di Przewodów, ai confini con l’Ucraina. Il missile, ha detto Duda, è stato “probabilmente un incidente sfortunato”.

XVI RIUNIONE DEL GRUPPO ARRAIOLOS

Un aereo della Nato ha tracciato il missile finito in Polonia uccidendo due persone nel villaggio di Przewodów

Un funzionario militare della Nato ha dichiarato alla Cnn che un aereo dell’Alleanza atlantica, che volava sopra lo spazio aereo polacco, ha tracciato il missile che è finito nel villaggio uccidendo due persone. “Le informazioni con le tracce radar sono state fornite alla Nato e alla Polonia”, ha aggiunto il funzionario militare.

In un comunicato congiunto dei leader del G7 e della Nato diffuso dall’Unione Europea, intanto, viene espressa la condanna degli attacchi che la Russia ha portato ieri su città e infrastrutture civili ucraine e si informa che si è discusso dell’esplosione avvenuta nella parte orientale della Polonia, vicino al confine con l’Ucraina. “Offriamo il nostro pieno sostegno e assistenza alle indagini in corso in Polonia. Siamo d’accordo di rimanere in stretto contatto per determinare i passi successivi appropriati man mano che le indagini procedono”, hanno spiegato i leader del G7 e della Nato.

Il missile finito in Polonia, secondo quanto ipotizzano direttamente il presidente Usa Joe Biden ma anche fonti del Pentagono citate dalla Cnn, potrebbe essere stato lanciato dall’esercito ucraino nel tentativo di intercettare un missile russo. Non è chiaro se il missile antiaereo in questione sia lo stesso che ha effettivamente colpito la Polonia, ma questa informazione ha avuto un peso nella valutazione statunitense dell’accaduto.

Kiev chiede “l’accesso immediato” al luogo in cui è caduto il missile

L’Ucraina chiede “l’accesso immediato” al luogo in cui è caduto il missile sul confine in Polonia. “Siamo favorevoli a uno studio congiunto dell’incidente. Siamo pronti a consegnare le prove che abbiamo della pista russa. L’Ucraina chiede che venga concesso immediatamente l’accesso al sito dell’esplosione ai rappresentanti del ministero della Difesa e del servizio di guardia di frontiera statale”, ha scritto su Twitter il segretario del Consiglio nazionale per la sicurezza ucraino, Oleksiy Danilov.

Stoltenberg: “Non c’è nessuna evidenza che la Russia stia preparando attacchi a membri della Nato”

“Le investigazioni sull’incidente sono ancora in corso e dobbiamo ancora aspettare le conclusioni. Per il momento non c’è nessuna indicazione che si sia trattato di un attacco deliberato della Russia. Non c’è nessuna evidenza che la Russia stia preparando attacchi a membri della Nato” ha detto, invece, il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg.

“Secondo risultati preliminari, probabilmente l’incidente è stato causato da un missile ucraino, lanciato per proteggere il territorio dagli attacchi missilistici russi”, ha sottolineato Stoltenberg, che ha aggiunto: “Non è colpa dell’Ucraina. La Russia porta la responsabilità ultima per questa guerra illegale”.

Meloni: “La responsabilità di quello che è accaduto è della Russia”

“Questa mattina – ha detto il premier Giorgia Meloni – abbiamo ricevuto un brusco risveglio con le notizie che arrivavano dalla Polonia, ci siamo consultati con gli alleati. L’ipotesi che sulla Polonia sia caduto un missile dell’antiaerea ucraina per quanto ci riguarda cambia di molto poco la sostanza dal nostro punto di vista, la responsabilità di quello che è accaduto è della Russia che sta sistematicamente distruggendo le infrastrutture, i russi sanno che bombardando al confine i missili possono cadere sul suolo polacco”.

“Insieme agli alleati abbiamo condannato l’aggressione russa e offerto pieno sostegno a Kiev – ha aggiunto il premier italiano -. Sulla vicenda dell’Ucraina non si può prescindere dalla volontà della nazione aggredita, speriamo di trovare un accordo con Zelensky per uscire dal conflitto nel minor tempo possibile”.

Leggi anche: I missili finiti in Polonia potrebbero essere ucraini. Per Biden è “improbabile” che i due razzi che hanno colpito il villaggio di Przewodów “siano partiti dalla Russia”

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram