Ancora maltempo al Nord. Il fiume Po a Torino raggiunge i livelli di guardia. La Protezione civile attiva il monitoraggio satellitare

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Dipartimento della Protezione Civile ha attivato l’Agenzia spaziale italiana e la Fondazione Cima per seguire gli effetti della piena del Po che sta interessando, in queste ore, il Piemonte e sta raggiungendo i livelli di guardia a Torino. Il monitoraggio satellitare consentirà, grazie ai dati forniti dall’Asi ed alla collaborazione con Fondazione Cima che processerà le immagini acquisite, di vigilare sulle aree circostanti il Po e i suoi affluenti per i prossimi due giorni, così da verificare rapidamente eventuali inondazioni.

L’Agenzia Interregionale per il fiume Po ha fatto sapere nel pomeriggio che il nuovo incremento dei livelli nel tratto occidentale piemontese del Po si sta attestando su valori superiori alla soglia 2 di criticità (moderata). L’Aipo prevede che la piena si mantenga su questo livello anche per le prossime 24 ore nel tratto piemontese, fino a Isola S. Antonio, per poi decrescere a partire dalla serata di domani. Nel corso delle prossime 36-48 ore è probabile un decremento nei rami del Delta del fiume rimasti in questi giorni con livelli sopra la soglia 2 per effetto del difficoltoso deflusso in mare.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA