Ancora un femminicidio. L’ultimo caso a Merano: ritrovato il corpo di una donna nell’agriturismo di famiglia, fermato il marito. Intanto della commissione d’inchiesta non c’è nemmeno l’ombra

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’ultimo caso è avvenuto a Merano, in provincia di Bolzano. Il corpo di Alexandra Riffesser, 34 anni, è stato ritrovato nell’agriturismo di famiglia. Ad essere fermato è stato il marito Johannes Beutel, un cittadino austriaco di 38 anni. È stata la sorella della vittima, che abita nella stessa casa, a chiamare la Polizia dopo aver sentito le grida. Mentre continuano gli omicidi di genere, la commissione d’inchiesta latita. Solo in questi giorni il disegno di legge per la costituzione della commissione d’inchiesta sul femminicidio è stato inserito nel calendario del Senato, ma ad opporsi è stato il Pd che ha votato contro il calendario temendo che si arrivi in Aula senza avere il tempo di fare presunti approfondimenti. A dirlo è stato ieri il capogruppo dei senatori dem Andrea Marcucci, uscendo dalla Conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama. “Come Pd abbiamo votato contro il calendario perché con l’avvicinarsi dei decreti sulla sicurezza e su Genova – ha spiegato Marcucci – se la presidenza non garantisce le due settimane di lavoro, ci ritroveremo in situazioni analoghe a quelle precedenti. Col nuovo regolamento si dovrebbe discutere e affrontare i provvedimenti in commissione, in commissione la maggioranza non vuol discutere e quindi va in Aula senza relatore”. Un rischio che, a quanto pare, il Partito democratico non vuole correre.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA