Antonino Demelas: storia dell’uomo arrestato per abusi su minori e accusato dell’omicidio dell’ex compagna

Antonino Demelas è stato arrestato e dovrà rispondere di diverse accuse contro di lui: dalla scomparsa dell'ex compagna agli abusi su minori.

Antonino Demelas è stato arrestato perché indagato sia per la scomparsa dell’ex compagna e per possibili abusi su minori, sempre legati in qualche modo alla sparizione della donna.

Antonino Demelas: storia dell’uomo arrestato per abusi su minori e accusato dell’omicidio dell’ex compagna

Antonino Demelas: storia dell’uomo arrestato per abusi su minori

Antonino Demelas è stato arrestato per abusi su minori. Inizialmente l’uomo era stato indagato solo per la scomparsa dell’ ex compagna marina Castangia. Lei, 60 anni, parrucchiera originaria di Cabras, lui 69 anni ex cuoco in pensione. I due non erano sposati ma secondo informazioni erano in procinto di convolare a nozze ma poi ecco la sparizione improvvisa della donna.

Nei mesi scorsi erano emersi sospetti su presunti episodi di pedofilia. Le accuse erano state mosse dal fratello di Marina, Antonio Castangia, che aveva sentito litigare Demelas e la sorella su alcune attenzioni che avrebbe rivolto ad alcune minori. Inoltre, secondo l’Ansa i militari dell’Arma sono venuti a conoscenza di presunti abusi ripetuti commessi dal 69enne su una bambina. Da li sono iniziati silenziosi approfondimenti che avrebbero trovato poi riscontri.

Accusato dell’omicidio dell’ex compagna

Marina Castangia è scomparsa dai primi giorni di maggio 2021 e da allora non si hanno più notizie di lei. Prima indagato e poi è stato arrestato l’ex compagno Antonini Demelas che dovrà rispondere di diverse accuse, legate in qualche modo sempre alla donna scomparsa nel nulla dalla provincia di Oristano.

Dopo l’arresto, durante l’interrogatorio il 69enne, difeso dall’avvocato Mario Gusi, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Le accuse nei suoi confronti sono pesanti: dagli abusi sui minori all’omicidio dell’ex compagna. Attualmente, Antonio Demelas si trova in custodia cautelare nel carcere di Massama. Tuttavia, l’uomo, indagato anche per omicidio volontario, ha sempre negato ogni coinvolgimento in questa storia e durante il suo interrogatorio ha fatto chiarezza sulla sua estraneità ai fatti.

Leggi anche: Cadavere nel Po ritrovato senza testa: di chi è il corpo restituito dal fiume?

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram