Apertura in rosso (-1,2%) per Piazza Affari. La Borsa è appesantita dai titoli bancari. Lo spread tra Btp e Bund a quota 335 punti base

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Apertura in rosso per Piazza Affari con l’indice Ftse Mib che cede l’1,2% a 18.626 punti. La Borsa di Milano risente del crollo dei titoli bancari. Lo spread tra Btp e Bund è 335 punti base con il rendimento del decennale italiano al 3,69%. Al centro dell’attenzione la manovra ed il confronto con l’Unione Europea. Tra le banche in calo Carige (-5,5%), Ubi (-3,3%), Banco Bpm (-4,5%), Unicredit (-2,9%), Mps (-3,2%) e Intesa (-2,3%). Ma anche Tim (-1,8%). Bene, invece, Enel (+1,6%), nel giorno del nuovo piano strategico 2019-2021 che prevede investimenti per 27,5 miliardi ed un dividendo minimo per azione per l’intero periodo, in crescita di anno in anno. Tutte con il segno meno le borse del vecchio continente: Londra -0,32%, Francoforte -0,76% e Parigi -0,55%.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA