Apertura positiva per la Borsa di Milano (+1,37) in attesa del verdetto di Bruxelles sulla Manovra. Lo spread tra Btp e Bund scende a 315 punti base

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Apertura con il segno più per Piazza Affari. In attesa della risposta dell’Unione europea sulla manovra, l’indice Ftse Mib sale dell’1,37%. A trainare il listino sono i bancari: Banco Bpm e Carige (+5,8%), Ubi (+2,7%), Bper (+2,4%), Intesa (+2,4%), Mps (+2,3%) e Unicredit (+2,1%). Nel giorno del Piano al 2021, Generali guadagna il 2,44%. Bene anche Tim (+1,3%). In calo Luxottica (-0,7%) e Campari (-0,67%). Vola Pierrel (+11%), che ha chiuso due contratti in Canada. Lo Spread tra Btp e Bund cala a 315 punti base, con il rendimento del decennale del Tesoro al 3,52%.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA