Apple e Facebook, 2014 da urlo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

 I primi tre mesi del 2014 sono stato un periodo d’oro per Apple e Facebook, che hanno fatto segnare ricavi oltre le attese. Nel primo trimestre, i ricavi della compagnia di Cupertino hanno raggiunto i 45,5 miliardi di dollari, con 10,2 miliardi di utili. Le vendite di iPhone nel secondo trimestre fiscale hanno raggiunto quota 43,72 milioni .
Apple ha inoltre fatto sapere di avere deciso un aumento di 30 miliardi di dollari nel proprio programma di buyback azionario, cifra che si aggiunge ai 60 miliardi precedentemente annunciati.

Boom anche per i ricavi di Menlo Park, più alti delle attese: 2,5 miliardi di dollari, in crescita del 72% rispetto ad un anno prima e contro i 2,36 miliardi attesi in media dagli analisti. A trainare il giro d’affari, il successo della raccolta pubblicitaria su dispositivi mobili che ha rappresentato il 59% dei ricavi nel primo trimestre contro il 30% dello stesso periodo di un anno fa.

Nel trimestre, gli utili risultano pari a 642 milioni di dollari contro i 219 milioni nello stesso periodo di un anno fa. Facebook ha inoltre annunciato le dimissioni del direttore finanziario David Ebersman che lascerà la società a settembre. Sarà sostituito da David Wehner, attuale vice presidente per la corportate finance e il business planning.

Il social network ha infine reso noto che gli utenti mensili hanno raggiunto quota 1,28 miliardi il 31 marzo, di cui 1,01 miliardi attraverso dispositivi mobili come smartphones e tablets.