Arrestati a Parigi sette ex brigatisti rossi italiani. Tra loro c’è anche Pietrostefani. Tre sono sfuggiti alla cattura

brigatisti arrestati a Parigi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sette brigatisti rossi italiani, ex appartenenti anche alle Brigate rosse, sono stati arrestati, a Parigi, dalla Polizia di Stato in collaborazione con l’antiterrorismo francese (qui i profili di ognuno). Erano tutti ricercati dalla giustizia italiana da anni (leggi l’articolo). Altri tre brigatisti sono ancora in fuga e attualmente ricercati.

I dieci sono accusati di atti di terrorismo risalenti agli anni Settanta e Ottanta. Tra gli arrestati figura anche Giorgio Pietrostefani (nella foto ultimo a dx, i primi due sono Tornaghi e Manenti), di Lotta Continua, uno dei tre condannati per l’omicidio del commissario Luigi Calabresi. I tre brigatisti in fuga sono Luigi Bergamin, Maurizio Di Marzio e Raffaele Ventura.

Gli ex terroristi italiani arrestati questa mattina in Francia, nell’ambito dell’operazione “Ombre rosse”, sono Giovanni Alimonti, ex Br, che deve scontare una pena di 11 anni, 6 mesi e 9 giorni; Enzo Calvitti, ex Brigate Rosse, condannato a 18 anni, 7 mesi e 25 giorni; Roberta Cappelli, ex Brigate Rosse, condannata all’ergastolo; Marina Petrella, ex Br, condannata all’ergasotolo; per l’appunto Pietrostefani che deve scontare 14 anni, 2 mesi e 11 giorni; Sergio Tornaghi, ex Brigate Rosse, condannato all’ergastolo; Narciso Manenti, ex Nuclei Armati Contropotere Territoriale, condannato all’ergastolo.

L’operazione, secondo quanto si apprende da fonti italiane, è stata condotta dall’Antiterrorismo della polizia nazionale francese (Sdat) in collaborazione con il Servizio di cooperazione internazionale della Criminalpol e con l’Antiterrorismo della Polizia italiana e con l’esperto per la sicurezza della polizia italiana nella capitale francese.

La decisione di procedere all’operazione che ha portato all’arresto degli ex brigatisti italiani è stata presa direttamente dal presidente francese Emmanuel Macron, secondo quanto ha riferito l’Eliseo. La presidenza sottolinea che Macron ha deciso di “trasmettere alla Procura i 10 nomi sulla base di domande italiane che riguardavano in origine 200 persone”. La compilazione della lista dei 10 nomi, ha sottolineato ancora l’Eliseo, è frutto “di un importante lavoro preparatorio bilaterale, durato diversi mesi che ha portato a prendere in considerazione i reati più gravi”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA