Arrestato il vice presidente della Provincia Caserta

Sei persone sono state arrestate a Caserta nell'ambito di un'inchiesta della Dda sull'assegnazione dei loculi cimiteriali.

C’è anche Pasquale Crisci (nella foto), esponente dei Moderati e all’epoca dei fatti vicesindaco del Comune di Caserta e oggi vicepresidente della Provincia in carica, tra le sei le persone arrestate questa mattina nell’ambito di un’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Napoli. Sono tutti gravemente indiziati, a vario titolo, in concorso tra loro, dei reati di estorsione e corruzione aggravati dall’utilizzo del metodo mafioso.

Arrestato il vice presidente della Provincia Caserta

Sei persone sono state arrestate a Caserta nell’ambito di un’inchiesta della Dda sull’assegnazione dei loculi cimiteriali

L’esecuzione delle sei misure cautelati, coordinata dalla Guardia di finanza di Caserta, è stata affidata alla compagnia di Marcianise. Le indagini hanno dimostrato come, attraverso condotte estorsive e corruttive, gli indagati avessero ottenuto l’assegnazione di cappelle e loculi cimiteriali dal comune di Santa Maria a Vico, in provincia di Caserta.

Il provvedimento restrittivo ha riguardato tre elementi contigui al clan camorristico Massaro. Tra i destinatari anche Crisci, all’epoca dei fatti vicesindaco del Comune e oggi vicepresidente della Provincia in carica, e Carmine De Lucia, originario di Santa Maria a Vico e residente a Reggio Emilia.

Le indagini hanno accertato che, tramite la forza intimidatrice del clan, uno dei soggetti destinatari della misura cautelare aveva ottenuto l’assegnazione di una cappella gentilizia del valore di 44mila euro estorta al titolare della società aggiudicataria dei lavori di ampliamento del cimitero di Santa Maria a Vico.

La cappella gentilizia, attraverso l’intervento di un altro dei sei soggetti e la compiacenza di un impiegato comunale e di un consigliere comunale, veniva successivamente assegnata, sulla base di documentazione artatamente prodotta, ad un altro soggetto, in cambio di un corrispettivo in denaro.

Nel corso delle indagini relative a questa ipotesi di reato sono state accertate ulteriori condotte riguardanti l’illecita compravendita di cappelle e loculi nel cimitero di Santa Maria a Vico che vedevano il coinvolgimento anche dell’allora concessionario dei servizi cimiteriali e di ulteriore soggetto coinvolto, risultato intestatario di 16 loculi.

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram