Arriva l’ultima stretta per i No Vax over 50. Da domani il Green Pass sarà indispensabile per lavorare. Speranza: “Abbiamo piegato la curva grazie ai vaccini”

Green Pass No Vax over 50
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Scatta domani, martedì 15 febbraio, l’ultima stretta per i No Vax, circa mezzo milione quelli interessati. I lavoratori del pubblico e privato, che hanno almeno 50 anni, per accedere ai luoghi di lavoro, dovranno possedere, infatti, il Green Pass derivante dal vaccino o dalla guarigione (leggi l’articolo).

“Sulla pandemia – ha detto a Mezz’ora in più il ministro della Salute, Roberto Speranza – abbiamo ancora bisogno di cautela, siamo ancora in fase pandemica, non ne siamo usciti, certo va molto meglio. Omicron ha provocato un’ondata di contagi senza precedenti, ma i casi non si sono trasformati in ospedalizzazioni come prima grazie alla campagna vaccinale. Stiamo piegando la curva sostanzialmente senza aver dovuto far pagare alle persone un prezzo di chiusure come in altre stagioni. Lo scudo è stato il vaccino”.

“Bello il segnale di aver tolto la mascherina all’esterno – ha aggiunto Speranza -, ma va sempre tenuta con sé in caso di assembramenti o luoghi chiusi. E’ stato il nostro strumento difensore in questi mesi e lo sarà ancora, appena c’è un momento di rischio bisogna indossarla. Stiamo meglio di alcune settimane fa, l’ondata di Omicron ci preoccupava sul serio poi con l’evolversi delle giornate abbiamo acquisito evidenza che il vaccino reggeva sui casi severi”.

“È grazie ai vaccini se abbiamo retto questa ondata terrificante – ha sottolineato Speranza -, il 91% delle persone sopra i 12 anni si sono vaccinate e così facendo hanno difeso sé e gli altri evitando la pressione sugli ospedali. Il vaccino ha cambiato le forze in campo, c’è un prima e dopo grazie al vaccino”. E poi ha aggiunto: “Io fobico? Questo lo dicono i maligni…”. E sulle riaperture ha spiegato: “Abbiamo riaperto tutte le attività, le discoteche erano le sole rimaste chiuse, ma serve il super Green Pass e la capienza resta al 50%, ma dobbiamo mettere tutte le attività economiche in condizione di ripartire. Chi va in discoteca mantenga cautela e prudenza, siamo in una fase di transizione, non ne siamo ancora fuori”.

Green Pass, dal 15 febbraio i over 50 potranno lavorare solo il Green Pass

“L’obbligo over 50 esiste già – ha continuato il ministro della Salute – e da martedì scatta obbligo vaccinale sul lavoro, la strategia del governo è giusta, è un provvedimento mirato. Io faccio gli interessi del paese, ho visto tante polemiche in questi due anni e ora le guardo con un certo distacco. L’obbligo per sopra i 50 anni è stata una scelta giusta e coraggiosa”.

“L’ECDC – ha concluso Speranza – ci ha detto di stare attenti perché abbiamo già visto 4 varianti del virus. Dobbiamo insistere a vaccinare la più larga parte della popolazione. Se siamo cresciuti di più in termini di Pil è perché eravamo più sicuri sul piano sanitario”.