Assegni da fame per la metà dei pensionati italiani. Il 42% non arriva a mille euro. Il 12% neanche a 500. E i travet scendono sotto i tre milioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nella media i pensionati italiani fanno la fame. La metà prende un assegno inferiore ai mille euro. Per l’esattezza, i dati diffusi dall’Inps, parlano del 42,5% dei pensionati italiani, 6,5 milioni di persone, Il bilancio sociale dell’Inps del 2014 evidenzia, inoltre, che ci sono 1,88 milioni di pensionati (12,1%) che ha assegni inferiori ai 500 euro. Il presidente dell’Inps, Tito Boeri, sottolinea che “sarebbe stato importante fare l’ultima riforma delle pensioni”.

DIPENDENTI PUBBLICI IN CALO – Il bilancio Inps parla di dipendenti pubblici a tempo indeterminato in calo. I travet sarebbero tre milioni, per l’esattezza 2.953.000 con un calo del 2,8% (circa 90.000 unità) sul 2013. Rispetto al 2011 quando erano 3,23 milioni i dipendenti pubblici, grazie al blocco del turn over, sono diminuiti di quasi 300.000 unità. Nel bilancio, per la prima volta, viene inserita la voce dei lavoratori dipendenti pubblici a tempo determinato; così il totale complessivo si attesta a 3,22 milioni. Complessivamente, invece, i lavoratori iscritti all’Inps (privati e pubblici) è risultato pari nel 2014 a 22.067.086 unità con aumento di 142.821 lavoratori rispetto ai 21.924.265 del 2013. L’aumento è dovuto solo all’inserimento nel totale dei dipendenti pubblici a tempo determinato. Diminuisce, infine, il numero dei dipendenti in cassa integrazione.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA