Atene ora ostenta sicurezza. Tutti i debiti saranno onorati. Ultima spiaggia per evitare il default e l’uscita dall’euro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ostentare sicurezza. Oltre ogni ragionevole dubbio. Il ministro delle finanze greco Yanis Varoufakis si vende la pelle dell’orso molto prima di averlo avvistato. “Il prossimo 5 giugno la Grecia pagherà la rata del prestito al Fondo monetario internazioanle perché per allora sarà stato raggiunto un accordo con i creditori internazionali”, dice sicuro del fatto suo. Niente default, quindi, né altre incertezze sul destino della Grecia. Ma quanto c’è da crederci? I mercati, per esempio, ci contano pochissimo. E anche ieri le Borse mondiali (ma molte erano chiuse) sono rimaste appese all’incertezza.

L’unica cosa su cui si può giurare è che le trattative tra Atene e i creditori procedono al rilento. Dopo l’allarme lanciato dal ministro dell’Interno Nikos Voutsis secondo cui il Paese non ha soldi per pagare pensioni e salari e insieme far fronte a 1,6 miliardi di scadenze di prestiti da restituire al Fmi nel mese di giugno, la smentita del portavoce del governo non è bastata a diradare le nubi. I soldi in cassa non ci sono e l’ultima trovata per recuperarli sembra essere un prelievo del 15% sui depositi bancari di cittadini greci non dichiarati all’estero, e il doppio per legalizzare quelli in Grecia. Soluzioni da ultima spiaggia. Lo stesso Varoufakis ha ammesso di aver preso in considerazione anche la possibilità di tassare i ritiri di contante via bancomat e sportello bancario per incoraggiare le transazioni elettroniche tracciabili e combattere l’evasione fiscale. Per i creditori internazionali una soluzione o l’altra cambia poco. Purché tornino i soldi.

E per far pressione partono gli avvertimenti. “Il tempo sta per scadere e senza un accordo con i creditori la Grecia non otterrà alcun nuovo finanziamento”, ha detto al quotidiano tedesco Bild il direttore del fondo salva-Stati europeo (Esm), Klaus Regling: “Stiamo lavorando giorno e notte per un’intesa, c’è il rischio di insolvenza e tanti rischi ad esso collegati”. In questo clima sicuramente teso, i mercati restano incerti. A Milano Piazza Affari ha chiuso in rialzo dello 0,18% frenata da Mps in caduta libera nel secondo giorno di aumento di capitale. Contrastate le altre Borse del Vecchio continente: dopo lo scivolone della vigilia Parigi ha ceduto lo 0,6%, Londra l’1,18%, mentre Francoforte è arretrata dell’1,61%. Ma le ripercussioni maggiori si sono avute nello spread tra Btp e Bund tedeschi: la differenza di rendimento è tornata ad allargarsi in area 135 punti con i titoli italiani che rendono l’1,9%. Il Tesoro però ha collocato 2,978 miliardi di Ctz e Btp indicizzati. L’Ocse, intanto, rileva un rallentamento della crescita allo 0,3% nel primo trimestre, con Usa e Germania in frenata più di tutti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA