Attentato incendiario nella sede Pd di Coratti, indagato per Mafia Capitale e autosospeso dal Pd

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La procura di Roma ha avviato un’indagine relativa all’attentato incendiario avvenuto la scorsa notte nell’ufficio politico di Mirko Coratti (Pd), l’ex presidente dell’assemblea capitolina già coinvolto nell’ inchiesta su mafia capitale e autosospeso dal partito. Al momento il fascicolo, coordinato dal procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani, si ipotizza il reato di incendio doloso. I magistrati attendono una relazione dei vigili del fuoco e le prime risultanze degli accertamenti che i carabinieri di via In Selci stanno effettuando.

L’esplosione si è verificata intorno alle 3 in via della Bufalotta a Roma. La deflagrazione ha danneggiato il locale, distrutto la serranda esterna e infranto i vetri di alcuni appartamenti vicini e di un bar. Nessuno è rimasto ferito. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri. Trovate tracce di liquido infiammabile.

Secondo quanto si è appreso, all’interno del locale sono state trovate tracce di liquido infiammabile versato presumibilmente da una finestra posteriore. L’esplosione ha parzialmente distrutto una parete interna e danneggiato alcune auto in sosta davanti alla sede. Sul posto vigili del fuoco, carabinieri della stazione Talenti e del Nucleo Investigativo di Roma.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA