Autostrade infernali. Code in uscita per lo sciopero dei casellanti. Forti disagi nella serata di ieri anche a causa del traffico di rientro, la protesta termina stasera alle 22

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una giornata infernale per chi si muove in macchina oggi. A dire il vero i disagi sono cominciati già dalla serata di ieri. Perché oltre al traffico del rientro dal weekend pasquale, dalle 22 si sono aggiunti anche i rallentamenti ai caselli autostradali per la giornata nazionale di sciopero proclamata dalle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Sla. La protesta fino alle 22 di questa sera. Non ci saranno i casellanti ma sarà possibile utilizzare il servizio telepass e gli sportelli automatici. Già ieri sera intorno alle 23 al casello in uscita di Roma Sud si sono registrate, come abbiamo constatato, code di oltre due chilometri.

Scelta differente, invece, quella adottata da Strada dei Pachi, la società che gestisce A24 e A25: qui le sbarre dei caselli resteranno aperti al traffico. Durante lo sciopero gli automobilisti potranno transitare nei varchi aperti al traffico, quelli con il semaforo verde: in questo caso le targhe delle auto saranno fotografate e dopo qualche settimana i proprietari dei mezzi riceveranno per posta un bollettino di pagamento che potrà essere pagato, senza costi aggiuntivi, entro 15 giorni. E’ importante conservare il tagliando d’ingresso, che attesta il percorso fatto e sarà utile in caso di contestazioni del pedaggio. Sempre per chi non voglia fare la fila e pagare ai varchi con cassa automatica o Telepass.

Sulla situazione del traffico comunque, oltre al call center Autostrade al numero 840.04.21.21, sarà possibile essere aggiornati attraverso i collegamenti “My Way” in onda sul canale 501 Sky Meteo24 e su Sky TG24 (canali 100 e 500 di Sky e canale 50 del Digitale Terrestre); sulla App My Way scaricabile gratuitamente dagli store di Android e Apple; su Sky TG24 HD; sul sito autostrade.it; su RTL 102.5; su Isoradio 103.3 FM; attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV Infomoving in Area di Servizio.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA