Avvio con il segno meno per la Borsa di Milano (-0,16%). Soffrono Tim, Eni e Unicredit. Lo spread a 247 punti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Borsa di Milano, dopo un avvio positivo in linea con gli altri mercati europei (+0,30%), gira in calo. A Piazza Affari l’indice Ftse Mib cede lo 0,16% e prevalgono gli ordini in vendita in particolare su Tim (-2,28%), Eni (-0,4%) e Unicredit (-0,5%). Deboli banche ed energia con Bpm in calo dell’1,1%, Snam dello 0,6%. Segno meno anche per la Juventus che cede l’1,5%, Ferragamo che oggi presenta i conti scivola in calo dell’1,14%. Fuori dal paniere principale Mediaset, in attesa dei conti sale con cautela (+0,5%); soffre Tod’s (-3,88%). Banca Ifis cede il 2,34%. Maire Tecnimont guadagna l’1,85%. Lo Spread tra Btp e Bund in lieve calo in apertura di giornata, a 247 punti, dopo aver chiuso ieri a quota 250.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA