Avvio debole a Piazza Affari -0,2%

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Avvio debole a Piazza Affari (Ftse Mib -0,20%), in linea col resto d’Europa. In un listino dove prevalgono i segni meno si muove controcorrente Mps (+4,19%) sull’ipotesi di stampa di un interesse del fondo Usa Jc Flowers a rilevare il 20% e per la promozione del titolo da Credit Suisse. Ok Bpm (+3,41%) anch’essa promossa a neutral, ma da Bofa. Conferma il rialzo Autogrill (+1,8%) grazie ai conti mentre cede Gtech (-2,12%). Prese di profitto su Ferragamo (-3,5%) e Yoox (-2,75%).

Nuovo crollo alla Borsa di Mosca. L’indice Micex cede a metà seduta il 5% sulla scia della crisi in Crimea.

Le borse asiatiche rischiano di chiudere la settimana con la maggiore perdita da maggio 2012 mettendo fine a un recupero durato sei settimane. Le tensioni internazionali col referendum di domenica in Crimea sulla secessione dall’Ucraina nonché i rinnovati timori sul rallentamento dell’economia cinese rafforzano lo yen rispetto alle altre valute. Tokyo lascia sul terreno il 3,3%, Hong Kong perde lo 0,95%, Shangai lo 0,73%, Seul lo 0,75%.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA