Avvio debole per le borse europee

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Avvio debole per le Borse europee, dopo i rialzi delle sedute precedenti e nell’attesa dei dati macro Usa e delle previsioni economiche che quest’oggi diffonderà la Commissione europea. Gli occhi sono rivolti all’Italia, sia perché il neo-premier, Matteo Renzi oggi pronuncerà un nuovo discorso dinnanzi alla Camera, sia perché sono in calendario l’asta da 2,5 miliardi di Ctz biennali e quella da un miliardo di Btpei quinquennali. Sulle prime battute Milano perde lo 0,23%,  Parigi lo 0,4% e Francoforte lo 0,28%. Ha avviato le contrattazioni in calo anche Londra, che cede lo 0,15%. A Piazza Affari sono contrastate le azioni delle banche, anche se lo spread rimane sotto quota 200 punti (si attesta a 196 punti). Mps recupera mezzo punto percentuale, dopo il calo di ieri innescato dalle perquisizioni effettuate nell’ambito di un filone della magistratura di Siena che indaga su una truffa da 90 milioni ai danni dell’istituto. Continuano ad andare bene le Ferragamo (+0,26%), dopo l’exploit di ieri. Sono inoltre in rialzo anche le Tod’s, mentre le Moncler cedono il 3,8% all’indomani della pubblicazione dei conti 2013 (annunciati a Borsa chiusa). Tra i titoli fuori dal paniere principale, volano le Carraro (+7,5%) e le Banca Profilo (+5,3%). Sul fronte dei cambi l’euro si attesta a 1,3754 dollari (1,3746 ieri) e a 140,65 yen (140,82), mentre il dollaro-yen e’ pari a 102,25 (102,44). Il petrolio (wti) arretra di mezzo punto percentuale a 102,28 dollari al barile.