Avvio in affanno per la Borsa di Milano (-0,2%), pesano le tensioni sulla Manovra. Male i titoli bancari. Lo Spread tra Btp e Bund a 290 punti base

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Apertura in affanno per la Borsa di Milano, dopo i primi scambi in rialzo dello 0,36%, Piazza Affari si attesta intorno al -0,2%. A pesare sui listini è ancora la trattativa Roma-Bruxelles sulla manovra di Bilancio. Spread tra Btp e Bund in apertura a 286 punti base si è attestato ora 290 punti. Ad appesantire la Borsa di Milano sono soprattutto i titoli bancari: Mediobanca (-1,7%), Banco Bpm (-1,9%), Mps (-1,4%), Intesa e Unicredit (-1%). Con il segno più solo Carige, con il titolo in avvio salito di oltre il 5%. Male Fca (-0,3%) e Tim (-0,5%), piatta Mediaset. Andamento positivo per Pirelli (+0,7%) e Luxottica (+0,1%).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA