Azzardo coi soldi pubblici. Il vicesindaco di Palizzi (Reggio Calabria) indagato per peculato: avrebbe bruciato 200mila euro col poker online

dalla Redazione
Cronaca

Avrebbe utilizzato i soldi del Comune per giocare a poker online. A essere indagato è il vicesindaco di Palizzi (Reggio Calabria) Davide Plutino, con l’accusa di aver utilizzato i soldi del Comune per giocare a poker online, appunto.

Il reato contestato dalla Procura di Locri è quello di peculato, a quanto riporta Il Quotidiano del Sud. Su richiesta del procuratore Luigi D’Alessio e del suo sostituto Vincenzo Toscano, ieri pomeriggio i carabinieri della Compagnia di Bianco si sono presentati al palazzo comunale e presso l’abitazione di Plutino dove sono state trovate alcune ricevute del gestore del sito “William Hill”. Oltre a Plutino, nel registro degli indagati c’è un dirigente del Comune. Nel corso della perquisizione, tutti i dipendenti dell’ente locale sono stati invitati a lasciare il loro posto di lavoro.

Stando alle prime indagini buona parte dei 200mila euro sottratti alle casse del Comune sarebbero stati utilizzati per il poker online, ma non è escluso che l’inchiesta possa allargarsi ad altri reati. A quanto si apprende, infatti, i carabinieri stanno verificando la sussistenza di una presunta attività estorsiva.