Ballottaggi, peggio del Pd soltanto l’astensionismo. Il centrodestra prende a sberle i dem. Ma per Renzi sono risultati a macchia di leopardo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Parla di risultati a macchia di leopardo, ma Matteo Renzi sa benissimo che le comunali 2017 non sono andate proprio così. Perché quella subita dal Partito democratico è una vera e propria batosta. Sconfitto in tutta l’Emilia Romagna, una volta era regione rossa di riferimento, a Genova, dove mai il centrodestra aveva governato, e in tante altre città chiave. Su tutte L’Aquila, dove al primo turno il candidato dem aveva sfiorato la vittoria al primo turno. Eppure davanti a un risultato così evidente Renzi ha tirato fuori un post su Facebook nella notte che tutto ha tranne che l’ammissione della sconfitta.

Oltre alle vittorie di Lecce, Padova e Taranto il segretario dem sottolinea i risultati di Molfetta, Cernusco sul Naviglio e Sciacca. Per carità, risultati rilevanti, ma non paragonabili alle sconfitte incassate in centri più grandi e nelle storiche roccaforti del Partito democratico. Tra quelle perse anche Sesto San Giovanni, la Stalingrado d’Italia, dove la sinistra è stata sconfitta dopo 72 anni.

I RISULTATI IN TUTTI I CAPOLUOGHI DI PROVINCIA

Una sconfitta per tutti è invece la scarsa affluenza alle urne. Bassa, bassissima, preoccupante. Alla fine della giornata dei ballottaggi ha votato soltanto il 46,02% contro il 58% del primo turno (il dato non tiene conto i Comuni di Sicilia e Friuli Venezia Giulia). Tra i Comuni più grandi superato il 50% dei votanti a Padova, Rieti e L’Aquila. A Genova ha votato il 42,66% degli aventi diritto, a Parma il 45,18%.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA