Bambini kamikaze. Bombe sotto la maglia di Messi, un ragazzo di 12 anni fermato a Kirkuk prima di compiere una strage

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una nuova strage di un baby kamikaze è stata evitata per poco dopo quello che è avvenuto in Turchia. Giusto qualche minuto, infatti, e ci sarebbe stata l’esplosione fatale. Nel nord dell’Iraq, a Kirkuk (capitale del Kurdistan), un ragazzo d 12 anni è stato fermato dalle forze di polizia curde prima di farsi esplodere. Il giovane indossava una maglia del calciatore del Barcellona di Leo Messi: sotto c’era una cintura esplosiva pronta per essere azionata appena raggiunto un luogo affollato. Lo scopo era quello di provocare il maggior numero di vittime possibile tra i “miscredenti”.

I media curdi hanno diffuso il video con le immagini dell’arresto del giovane: il 12enne è stato immobilizzato dai peshmerga e subito dopo è stato “liberato” dalle bombe che indossava. Si vede il giovane in stato confusionale, mentre intorno alcuni testimoni applaudono ai militari che hanno sventato l’attacco. Secondo quanto è stato raccontato il ragazzo era stato indottrinato dal padre – reclutato dall’Isis – per compiere un attentato, l’ennesimo in poche ore, a Kirkuk.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA