Banda ultralarga per tutti in 5 anni. Colao lancia la sfida digitale. Il ministro punta a dimezzare i tempi fissati dall’Ue

digitale Colao
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sul digitale Vittorio Colao (nella foto) lancia la sua personale sfida. Il ministro per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale vuole superare anche gli obiettivi ambiziosi fissati dall’Europa.

L’Ue ha degli obiettivi di digitalizzazione a 10 anni, “noi vogliamo essere più ambiziosi e mettiamo obiettivi a 5 anni: al 2026 vogliamo che il 70% della popolazione usi l’identità digitale e sia digitalmente abile, portare il 75% delle Pubbliche amministrazioni italiane a usare servizi Cloud, raggiungere almeno 80% dei servizi pubblici erogati online e 100% famiglie e imprese raggiunte dalla banda ultra larga”, ha detto in audizione alla Camera. “Per la prima volta l’Italia partirebbe avvantaggiata”.

Ma il ministro è consapevole che non si tratta di una sfida facile perché “in Italia nonostante tutti apparentemente sosteniamo l’innovazione e l’investimento abbiamo però tradizionalmente vissuto resistenze al cambiamento e velocità di implementazione degli investimenti molto ridotte”.

ROAD MAP. Adesso però tutto può cambiare, per i progetti di innovazione tecnologica ora ci sono le risorse del Recovery plan. Una quota per il ministero di Colao che, secondo le indiscrezioni, è destinata a superare i 40 miliardi di euro. Le nuove gare per la copertura delle aree grigie inizieranno a fine 2021 e l’obiettivo è di arrivare “a inizio 2022 con il processo terminato”.

Colao detta la road map: “Agcom fa le mappature delle coperture in essere, Infratel chiederà impegni a 3 anni, faremo convergere tutto in uno” schema solo, sia per la fibra ma anche per il 5G e stiamo “valutando come rendere queste mappature molto impegnative” ovvero che non siano solo promesse. “Pensiamo di partire a maggio, durerà 30-45 giorni e daremo visibilità a quello che stiamo facendo”.

Sul fronte della domanda “attendiamo l’approvazione, da parte della Commissione Ue, delle misure relative alla fase 2 dei cosiddetti ‘voucher’ a supporto dell’accesso alla rete di famiglie e imprese. Appena ottenuta, avremo circa 900 milioni a disposizione di imprese e cittadini” ha spiegato Colao. Ma la sfida non potrà essere vinta se non ci sarà la cooperazione di tutti. “La transizione digitale in quanto orizzontale – ha detto – ci richiede espressamente di coinvolgere tutti gli attori in questo sforzo. Parlo, anzitutto, della fondamentale cooperazione di tutto l’apparato amministrativo, centrale e territoriale”.