Bangladesh, retata anti-Isis: uccisi nove jihadisti. Sarebbero i responsabili dell’attentato del 1 luglio a Dacca in cui morirono 20 persone, tra cui nove italiani

dalla Redazione
Mondo

Retata anti Califfato la scorsa notte in Bangladesh dove sono stati uccisi nove presunti jihadisti. L’operazione della polizia è stata condotta nel quartiere residenziale di Dacca e ha portato a un violento scontro a fuoco durato almeno due ore. Gli agenti che stavano pattugliando la zona sono stati attaccati con il lancio di alcune bombe a mano. A quel punto la dura risposta che ha portato all’uccisione di nove miliziani e all’arresto di un altro che stava provando a fuggire. Dopo la sparatoria sono stati perquisite anche alcuni locali dove i jihadisti erano passati lasciando tracce inequivocabili quali libri sulla jihad e armi. Secondo le prime indagini i dieci terroristi facevano parte della locale organizzazione “Jamayetul Mujahideen Bangladesh” (Jmb) e sarebbero responsabili dell’attacco terroristico messo a segno in un ristorante di Dacca il primo luglio scorso, quando un commando armato attaccò un ristorante uccidendo 20 persone. Tra le vittime ci sono stati anche nove italiani.