Bari senza un palazzo di Giustizia. A pochi giorni dallo sgombero non c’è una sede alternativa. I magistrati scrivono a Mattarella e Bonafede: “Sarà paralisi nelle indagini, anche di quelle sulla mafia foggiana”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Date una sede oppure sarà paralisi nelle indagini, anche quelle riguardanti la mafia foggiana, un’emergenza nazionale”. È il cuore della lettera inviata dai magistrati di Bari al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Csm e al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. La nota, scritta al termine di un’assemblea dei pubblici ministeri convocata dal procuratore capo Giuseppe Volpe, ripercorre i problemi legati all’ordine di sgombero della sede del PalaGiustizia, dichiarato inagibile perché a rischio crollo. I magistrati della procura barese chiedono che “venga individuata, con la massima urgenza, una soluzione che permetta a questo ufficio di poter svolgere il proprio lavoro” così da poter garantire il “perseguimento dei reati del territorio”.