Beppe Brillo. Il leader M5S scrive al Corriere per sedare le polemiche sulla Raggi. Ma la sua lettera ha un che di bizzarro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Beppe Grillo cerca, una volta per tutte, di sedare le tante discussioni e polemiche sul Movimento Cinque Stelle dopo una settimana che definire di fuoco è un eufemismo. E lo fa con una lettera inviata al Corriere della Sera. Una lettera, però, che ha un che di bizzarro. Volendo esser buoni, è perlomeno notevole. E lo è per tre ragioni: il tema della lettera, cioè i moltissimi guai politici che sta passando il M5S a Roma; la rarità dell’evento – Grillo scrive molto raramente ai giornali – e, soprattutto, lo stile molto libero e un po’ confuso del testo, che lo rende parecchio diverso dagli articoli solitamente ospitati dal Corriere. Insomma, una lettera perlomeno sui generis.

Il succo dell’articolo è: il Movimento 5 Stelle non è perfetto perché la perfezione non esiste, ma tutti gli altri sono peggio di noi. La posizione standard, insomma. Una posizione, peraltro, anche legittima. Ma ciò che stupisce è che Grillo sviluppa questo argomento con paragrafi quasi incomprensibili, moltissimi punti esclamativi  e punti di sospensioni.  E frasi come “mi sfugge l’audience di questo nulla”, o “ritardare una involuzione senza cambiare nulla nel frattempo non serve”.

LA LETTERA – Esordisce Grillo: “Dopo giornate di fila di dibattiti sul nulla, ma che pagliuzza e che trave? Qui è un acaro contro un autotreno! Eppure non sono soddisfatto… l’inconsistenza assoluta delle stupidaggini che vengono discusse da trombatissimi pantaloni, appena tornati da ferie guadagnate ossequiando questo e quello, mette a pensare… Mentre stiamo spiegando quello che sarebbe immaginariamente successo e tentando di portarlo sul piano della realtà io non so… mi sfugge l’audience di questo nulla”.

Tante parole, punti esclamativi e frasi in sospeso, prima della sua conclusione: “c’è solo una spiegazione: camuffati da tetri pantaloni ci sono dei frustrati che cercano l’uomo forte! questo è il senso estremo del benpensantismo di oggi… qualcosa che, nella mia mente, non trova perdono e giustificazioni, solo nauseato fastidio. In questo caso mi dispiace tanto, ma il movimento avrebbe solo ritardato l’arrivo di nazisti, fascisti e leghisti! Ma ritardare una involuzione senza cambiare nulla nel frattempo non serve!”.