Bonus 2.400 euro. In arrivo la circolare dell’Inps. Ecco chi ne potrà beneficiare. Va richiesto entro il 31 maggio

bonus 2.400 euro Inps
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È in corso di pubblicazione la circolare dell’Inps con i dettagli e le modalità operative per l’assegnazione del cosiddetto “bonus 2.400 euro” a supporto di alcune categorie lavorative colpite dall’emergenza Covid-19, come prevede l’ultimo Decreto Sostegni approvato dal Governo.

Il bonus 2.400 euro, secondo quanto fa sapere l’Inps e come indicato al dl Sostegni, spetta ai lavoratori stagionali, lavoratori a tempo determinato e lavoratori in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali; lavoratori stagionali e in somministrazione di settori diversi dai settori del turismo e degli stabilimenti termali; lavoratori intermittenti; lavoratori autonomi occasionali; lavoratori incaricati delle vendite a domicilio; lavoratori dello spettacolo.

L’Inps ricorda, inoltre, che ha già provveduto a liquidare in breve tempo il bonus 2.400 euro agli oltre 235mila lavoratori delle medesime categorie già beneficiati dalle precedenti indennità – previste dal Decreto Ristori quater.

“La procedura per l’acquisizione delle domande da parte di nuovi beneficiari – aggiunge l’Inps spiegando le modalità per ottenere bonus 2.400 euro -, così come individuati dal DL Sostegni, sarà attiva entro questa settimana sul portale Inps al termine delle necessarie fasi di adeguamento amministrativo e di sviluppo informatico. Al fine di consentire ai nuovi aventi diritto un sufficiente periodo di tempo per le domande, il termine per la presentazione delle stesse è stato posticipato da fine aprile al 31 maggio”.

Il decreto Sostegni, oltre al bonus 2.400 euro, prevede anche il riconoscimento di altri aiuti, sempre a domanda, come tre quote di Reddito di Emergenza (REM) per i mesi di marzo, aprile e maggio 2021. “Il beneficio – fanno sapere ancora dall’Istituto di previdenza – è riconosciuto ai nuclei familiari in condizioni di difficoltà a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 e in possesso di tutti i requisiti”.

La domanda di REM deve essere presentata all’Inps da uno dei componenti del nucleo familiare, esclusivamente online, entro il 30 aprile. L’Inps in questo caso comunicherà l’accoglimento o la reiezione della domanda, con le motivazioni del mancato accoglimento, “mediante SMS o email, utilizzando i dati di recapito indicati nella domanda”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA