Borsa, effetti positivi del referendum: la sterlina vola

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Il Regno Unito vince e la sterlina pure. Mai così in alto negli ulti due anni: le reazioni positive delle Borse aperte nella notte sono cresciute di pari passo con il rafforzarsi del vantaggio del “no” all’indipendenza scozzese. La sterlina tocca il massimo sull’euro dal luglio 2012 a 78,10 pence, per poi stabilizzarsi a quota 78,40 pence, ma sono attesi nuovi balzi.

Bene anche Piazza Affari che apre in forte rialzo, con l’indice Ftse Mib che fa segnare +1,14% a 21.368 punti. L’All Share +1,06%.

Buone notizie anche per quanto riguarda lo spread. Il differenziale di rendimento con i Bund decennali scende sotto i 130 punti a quota 128 nei primi scambi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA