Borse, il tonfo di Tokyo e Nasdaq trascina giù l’Europa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Le borse europee aprono in rosso dopo il -2,4% di Tokyo, che ha risentito del forte calo segnato ieri dal Nasdaq a Wall Street (-3,1%). L’indice Usa ha risentito dei dubbi sulla valorizzazione dei big tecnologici, che erano stati i primi a beneficiare dell’afflusso di liquidita’ da parte della Fed e dei timori sulla crescita mondiale, soprattutto in Cina e Stati Uniti. Atteso per oggi l’indice sulla fiducia dei consumatori del Michigan. Parigi (-0,98%), Madrid (-0,57%), Francoforte (-0,87%) si avviano quindi a chiudere l’ottava in negativo, seguendo il Nikkei che in una settimana ha perso oltre il 7%, il piu’ alto calo settimanale da marzo 2011. A Milano il Ftse Mib, che dal picco di venerdi’ scorso a ieri ha perso il 3,36%, segna -0,42% recuperando terreno rispetto a un avvio a -0,80% circa. Spread stabile a 165 punti base, in attesa dell’asta Btp per un ammontare complessivo tra i 5,75 e 7,25 miliardi all’indomani dell’emissione di Bot. Le banche cercano di rialzare la testa dopo lo scivolone della vigilia: Ubi segna +0,96%, il Banco Popolare +0,68%, Unicredit +0,48%. Balza Saipem (+1%). Per contro, perde terreno dopo il rally Yoox (-1,67%), seguita da St (-1,60%) e Finmeccanica (-1,29%). Sotto i riflettori Mediaset (-0,55%), dopo la notizia che Prisa ha collocato sul mercato il 3,7% della partecipata Mediaset Espana, sospesa alla borsa di Madrid. Sul mercato valutario, l’euro si rafforza a 1,39 dollari (1,3894 ieri) e tratta a 141,42 yen (140,85). Dollaro/yen a 101,735 (101,38). Petrolio a 103,26 dollari al barile (-0,14%)

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA