Borse di studio agli studenti familiari delle vittime dell’uranio impoverito. Una delle quali sarà intitolata a Franca Rame

uranio impoverito Dario Fo Franca Rame
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’associazione nazionale vittime dell’Uranio Impoverito, in collaborazione con la Fondazione Dario Fo e Franca Rame, assegna quattro borse di studio a giovani studenti. Tre di queste sono destinate a congiunti di vittime dell’uranio impoverito, non ancora riconosciute in alcun modo dall’amministrazione ed intitolate alla memoria di tre caduti: Alessandro Milia, Luciano Cipriani e Gianflavio Monaco, mentre la quarta è invece destinata ad uno studente di scuola superiore o università ed intitolata a Franca Rame.

Una giuria composta dallo scrittore e attivista Jacopo Fo, il noto giornalista Paolo Di Giannantonio, Giampiero Scanu presidente della IV commissione parlamentare di inchiesta sull’uranio impoverito, il Ten. Col. Fabio Filomeni autore del libro “Baghdad: ribellione di un generale” e gli illustratori ed artisti Nicolò Canova e Fernando Cobelo esaminerà i lavori che i candidati dovranno inviare all’Associazione entro il prossimo 9 luglio. Il bando con le modalità di partecipazione e la documentazione da inviare sono disponibili sulle pagine social e sui siti dell’associazione e della Fondazione Fo Rame.

“Il consiglio direttivo dell’A.N.V.U.I. desidera ringraziare il Ten. Col. Filomeni – scrive la stessa Associazione vittime dell’Uranio impoverito -, il quale ha voluto devolvere alla nostra associazione tutti i proventi del suo libro rendendo così possibile questa iniziativa, le personalità che hanno accettato di far parte della giuria che assegnerà le borse di studio, Jacopo Fo nostro socio onorario e la Fondazione Fo Rame. Con l’istituzione di queste borse di studio, alle quali speriamo di poter dare cadenza annuale, desideriamo innanzitutto portare solidarietà alle famiglie di alcuni dei 7500 militari e civili che hanno contratto patologie oncologiche e dei circa 400 che sono deceduti a causa dell’esposizione”.

“Non potevamo, quindi, che intitolare le borse di studio a tre militari deceduti in seguito a queste patologie – affermano ancora dall’Associazione – riservandone una quarta alla memoria della compianta Franca Rame che portò alla luce tutta la brutta faccenda prima nel suo blog e poi, dai banchi del Senato, fu membro della II Commissione parlamentare d’inchiesta sull’uranio impoverito, pubblicò numerose testimonianze e inchieste nonché le lettere inviate al governo perché indagasse a fondo sulla vicenda, non limitandosi a denunciare il problema ma andando a trovare a casa i ragazzi ammalati, aiutando le famiglie, pagando di tasca propria medicine, cure e purtroppo, talvolta, anche funerali”.

“Questo è il motivo – conclude l’associazione che difende i diritti delle vittime dell’uranio impoverito -per cui la partecipazione alla borsa di studio intitolata a lei non è vincolata allo status di vittima: perché anche i più giovani possano conoscere la questione uranio impoverito ed il suo profuso impegno”.