Brasile, affonda il “salvagente” per Lula. Sospesa la nomina a ministro dell’ex presidente. La carica gli evita l’arresto

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sospesa la nomina salva Lula. Il giudice federale brasiliano Itagiba Catta Preta Netocon una sentenza provvisoria ha bloccato la nomina dell’ex presidente della Repubblica, Luiz Inacio Lula da Silva, a ministro della Casa civile, carica per la quale aveva prestato giuramento nelle mani del presidente Dilma Rousseff poco prima. Ovviamente Lula farà ricorso.

La scelta del governo aveva già fatto discutere visto che eviterebbe il carcere a Lula finito nei guai per l’inchiesta Lava Jato, la Mani Pulita in salsa brasiliana. La nomina ha causato tensioni non indifferenti nella popolazione brasiliana scesa in piazza per protestare contro il governo Roussell.  Tafferugli tra manifestanti a favore e contro l’attuale esecutivo ci sono stati a Brasilia e San Paolo.

E’ un’intercettazione a far discutere. Quella tra Lula e la Roussef, nella qualela presidente avvisa Lula che sta per inviargli il decreto di nomina ministeriale, da usare “in caso di necessità”. Secondo il giudice Moro, ciò dimostrerebbe che la nomina di Lula è stata fatta per ostacolare la giustizia.