Dopo la Brexit, referendum sull’indipendenza. La Scozia vuole di nuovo la secessione: voto tra 2018 e 2019

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chi di referendum ferisce, di referendum (forse) perisce. La Gran Bretagna, che lo scorso giugno si è espresso sulla Brexit, dovrà vivere una fase turbolenta per un’altra consultazione: quella della Scozia. La premier di Edimburgo, Nicola Sturgeon, ha infatti ha annunciato che dalla prossima settimana avvierà l’iter per una consultazione sul distacco da Londra. Insomma, la sconfitta bruciante del 2014 sembra già superata, visto che nel frattempo il contesto è cambiato. Eccome. Anche perché la Scozia ha votato in maniera netta (il 62%) per restare nell’Unione europea, quindi vorrebbe

“È importante che la Scozia sia in grado di scegliere il proprio futuro in un momento in cui le opzioni sono più chiare di quanto lo siano ora, ma prima che sia troppo tardi per decidere il nostro cammino”, ha affermato la Sturgeon. È stata già individuata anche la finestra di voto: tra l’autunno del 2018 e l’la primavera del 2019. Il governo di Theresa May ha accolto con fastidio l’annuncio: per Downing Street è incomprensibile che in nel giro di pochi anni ci sia un altro referendum sulla secessione scozzese.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA