Bruxelles promuove il Recovery plan dell’Italia. Via libera della Commissione Ue al Pnrr. Il pre-finanziamento arriverà subito

Draghi Leyen Pnrr
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È positiva la valutazione di Bruxelles sul Pnrr italiano, prevista in queste ore e al centro del visita della presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, in programma domani a Roma (leggi l’articolo). Secondo quanto appreso dall’Ansa, nella pagella che sarà approvata entro domani e che la von der Leyen consegnerà al premier Mario Draghi si sottolinea che il piano “contribuisce ad affrontare in modo soddisfacente” le raccomandazioni specifiche della Ue.

Il Pnrr italiano (qui la versione definitiva approvata da Palazzo Chigi ad aprile), ha valutato ancora la Commissione Ue, è “ben allineato” al Green Deal, con il 37% di misure indirizzate alla transizione climatica, tra cui progetti di efficientamento energetico degli edifici (Superbonus) e per favorire la concorrenza nel mercato del gas e dell’elettricità.Bruxelles rileva poi che al digitale è dedicato il 25% del piano, con misure per la digitalizzazione delle imprese, incentivi fiscali per la transizione 4.0, la banda larga e il sostegno a ricerca e innovazione. Nella sua valutazione del Pnrr italiano, la Commissione Ue dà il via libera al 13% di pre-finanziamento all’Italia.

“La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen sarà martedì 22 in Italia” ha confermato la portavoce della Commissione europea, Dana Spinant. La prossima settimana la Commissione Ue approverà sette piani nazionali di ripresa e resilienza: oltre al Pnrr italiano, il via libera arriverà anche per Austria, Slovacchia, Lettonia, Germania, Belgio e Francia. Secondo quanto riferito da una portavoce Ue, von der Leyen proseguirà il suo tour delle capitali Ue, avviato questa settimana, per annunciare la notizia di persona. Lunedì la presidente partirà alla volta di Vienna e Bratislava, martedì sarà invece in Lettonia, Germania e Italia, mentre mercoledì visiterà Belgio e Francia.