Bufale social ed elettorali. Per il ministro della Giustizia tedesco le false notizie influenzano il voto

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un allarme sull’uso dei social netwirk, che interessa democrazia e informazione. Il ministro della Giustizia tedesco, Heiko Maas, ha usato parole preoccupate per descrivere l’impatto sull’esito delle elezioni delle bufale presenti su Facebook e non solo. “Sfortunatamente questa è una parte oscura di Internet, una parte con cui dobbiamo fare i conti più seriamente”, ha spiegato l’esponente del Governo guidato da Angela Merkel.

Il discorso di Maas si è concentrato in gran parte sulla crescita del consenso elettorale del partito populista Afd (Alternativa per la Germania), in vista delle elezioni in Germania del 2017. A suo giudizio le fake news favoriscono un sentimento anti-politico e quindi incrementano il voto per i movimenti più estremisti. La posizione del ministro della Giustizia è molto simile a quella della cancelliera: “Oggi abbiamo i siti di notizie false, i bot, i troll, cose che si auto-rigenerano, rafforzando le opinioni tramite determinati algoritmi. Dobbiamo imparare a fare i conti anche con questi elementi”, aveva evidenziato nei giorni scorsi la Merkel.

Insomma, i cristianodemocratici tedeschi guardano con preoccupazione al prossimo voto. E già provano a trovare il capro espiatorio: i social network e le bufale pubblicate su centinaia di account.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA