Bufera sulle agenzie di rating

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Standard&Poor’s e Ficht rinviate a giudizio. Le due agenzie di rating dovranno rispondere di manipolazione di mercato per le notizie relative al declassamento del’Italia nel 2012. Rinviati a giudizio anche persone tra manager e analisti. La prima udienza del processo ci sarà il prossimo4 febbraio 2015.

Non si è fatto attendere il commento di Standard & Poor’s: “Crediamo fortementeche queste accuse siano completamente infondate e non supportate da alcuna prova. Abbiamo sempre svolto il nostro ruolo con coerenza, fornendo un’opinione indipendente sul merito di credito dell’Italia, in linea con lenostre metodologie internazionali, con i nostri standard di qualità e integrità, e con la regolamentazione europea”

Subito dopo il rinvio a giudizio il presidente del’Adusbef, Elio Lannutti, ha chiesto “l’immediata risoluzione del contratto che lega Fitch al ministero dell’Economia” e la “destituzione dei dirigenti del Tesoro”. Nel processo l’Adusbef si è costituita parte civile. Fitch, ricorda Lannutti, ha un contratto “per la fornitura di rating in relazione alle emissioni di titoli di debito della Repubblica italiana, appena rinnovato”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA