Cairo sceglie il nemico: La7 all’assalto di Raitre

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

In amore, in guerra e in tv tutto è lecito. Anche il duello. Achille contro Ettore per una fetta di ascolti e di pubblicità. A colpi di share, ovviamente. La7 contro Raitre. Paolo Ruffini contro Andrea Vianello. In pratica l’emittente di Urbano Cairo ha già dichiarato guerra al terzo canale di Viale Mazzini, il vero competitor per l’emittente ex Telecom. L’artiglieria pesante, quella nuova, appena acquistata verrà posizionata proprio nei due giorni in cui il direttore di Raitre può rilassarsi grazie alle performance da usato sicuro e collaudato di Ballarò e Chi l’ha visto?
Il martedì contro Giovanni Floris scenderà in campo Salvo Sottile con il suo nuovo programma di cronaca. “Non sarà né un quarto gradino né un settimo grado” come confida il diretto interessato agli amici.
Ma quello che appare certo è il fatto che sicuramente Sottile e la sua squadra saranno in grado di offrire un prodotto di qualità. Anche se creare problemi a Floris e la sua macchina da guerra è un’impresa quasi impossibile. Uno share medio del 16,31% con oltre 4 milioni di spettatori. Nella stagione appena terminata per ben 15 volte il programma ha svettato su tutti gli altri nella prima serata ed è sceso sotto il secondo posto solo in tre occasioni. Il record stagionale di ascolti è stato raggiunto il 26 febbraio scorso con uno share del 21.94 e circa 6 milioni di spettatori.
Al mercoledì sera toccherà a Gianluigi Paragone che con orecchino, chitarra d’ordinanza, ospiti rigorosamente in piedi e antipolitica proverà a ripetere i successi ottenuti con l’Ultima parola su Raidue.
Il nuovo programma sarà molto simile al precedente. Paragone dovrà vedersela con Chi l’ha visto? su Raitre e con Virus, il talk di Raidue condotto da Nicola Porro. Una doppia sfida per Paragone che di questi tempi non perde occasione per togliersi qualche sassolino: «Il problema è che la dirigenza Rai non regge i nuovi linguaggi. Vedi le loro facce e capisci subito che uno con l’orecchino e la chitarra destabilizza. Ora parlerò soprattutto di quello di cui in Rai non volevano che parlassi. Volevano farmi fare un programma musicale».
Paragone è al lavoro con la sua squadra per il nuovo format, un produzione interna di La7 che dovrebbe prendere il via a settembre per lasciare spazio in primavera alle Invasioni Barbariche di Daria Bignardi.

@marcocastoro1