Calano ancora i decessi. Costante la decrescita dei ricoveri nelle terapie intensive. Ma nelle ultime 24 ore scoperti quasi cinquecento nuovi contagi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

E’ ancora il calo dei ricoveri nelle terapie intensive il dato più significato fornito nell’aggiornamento giornaliero del Dipartimento di Protezione civile. Il numero totale dei pazienti attualmente positivi è di 108.257, con un incremento di 486 nuovi casi rispetto a ieri (ieri era stato di 809), di questi 2.635 sono degenti in terapia intensiva, con una decrescita, sempre rispetto a sabato, di 98 ricoveri.

I malati ricoverati con sintomi sono 25.033, con un incremento di 26 pazienti. Sono, invece, 80.589, pari al 74% del totale, i positivi in isolamento domiciliare senza sintomi o con sintomi lievi. Rispetto a ieri i deceduti sono 433 e portano il totale a 23.660. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale, invece, a 47.055, con un incremento di 2.128.

Nel dettaglio (qui la mappa dei contagi) i casi attualmente positivi sono: 34.497 in Lombardia, 13.552 in Emilia-Romagna, 14.470 in Piemonte, 10.210 in Veneto, 6.496 in Toscana, 3.490 in Liguria, 3.182 nelle Marche, 4.321 nel Lazio, 3.022 in Campania, 1.971 nella Provincia autonoma di Trento, 2.786 in Puglia, 1.337 in Friuli Venezia Giulia, 2.202 in Sicilia, 1.987 in Abruzzo, 1.566 nella Provincia autonoma di Bolzano, 436 in Umbria, 864 in Sardegna, 844 in Calabria, 562 in Valle d’Aosta, 247 in Basilicata e 215 in Molise.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA