Camera e Senato senza presidente

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Era impossibile alla vigilia, e sembra esserlo anche dopo la prima mattinata di votazione, che si raggiunga oggi una maggioranza per eleggere i presidenti di Camera e Senato. Al Senato la prima chiama ha dato un esito sconfortante: 246 schede bianche, 52 quelle per il candidato 5 Stelle, Luis Alberto Orellana, 4 le nulle, 4 per senatore del Pdl, Cosimo Sibilia, 3 per Alessandra Mussolini, 2 Compagna (Pdl), e una per Domenico Scilipoti, Emilio Colombo ed in spregio delle istituzioni e della protagonista di una vicenda drammatica, un voto è andato anche a Eluana Englaro. Si riparte alle 16, ma nulla cambierà. Domani ci si aspetta un minimo cambiamento, perché a Palazzo Madama già al terzo voto serve solo la maggioranza assoluta per eleggere il presidente, e non i due terzi come oggi. Se poi un presidente non si trova neanche così si va al ballottaggio tra i due migliori del terzo voto. Insomma, qualcosa deve muoversi.

Quello che capiterà a Palazzo Madama dipende da quello che capiterà a Montecitorio. Qui il PD e Sel possono eleggere da soli un presidente, ma un atto di forza sarebbe inutile, perché poi ogni altro passo istituzionale sarebbe impossibile. Come da previsioni quindi è stata nera la prima fumata per l’elezione del presidente della Camera. Il deputato più votato è stato Roberto Fico, candidato del M5S, che, con i 108 voti ottenuti, non ha raggiunto la maggioranza dei 2/3 necessaria per essere eletto. I parlamentari M5S (109 in tutto) hanno atteso la proclamazione del risultato in un’aula praticamente deserta. Oltre a loro presenti solo alcuni deputati Pd. I presenti in Aula, tutti votanti, erano 618. La maggioranza dei 2/3, quindi, fissata a 420 voti. Sono state 459 le schede bianche e quelle 24 nulle. 21 i voti ‘dispersi’ tra gli altri parlamentari. Tra i voti dispersi 6 sono andati al deputato Pd Daniele Marantelli, 3 al leghista Gianluca Buonanno, 2 al dem Andrea Orlando. A quota 1 Pierluigi Bersani, Silvio Berlusconi, Dario Franceschini, Maurizio Lupi, Roberto Cota, Enrico Letta, Nunzia De Girolamo, Giuseppina Castiello, Valeria Valente e Renato Brunetta. Anche qui si scende dopo due voti alla maggioranza assoluta per avere un presidente, quindi in teoria si può arrivare a un presidente, ma deve far felici tutti. Mission impossible o quasi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gli inganni di Salvini e Renzi

Persa ogni vergogna, i Mattei sono arrivati al punto di venderci la loro cacca per cioccolata, spacciando con inarrivabile faccia tosta le rispettive disavventure giudiziarie per medaglie. Renzi la settimana scorsa ha fatto un discorso “altissimo” in Senato contro le distorsioni della magistratura politicizzata, dimenticandosi

Continua »
TV E MEDIA