Campania, tra mille proteste arriva la proclamazione di De Luca. Forza Italia e 5 Stelle sul piede di guerra

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Vincenzo De Luca è stato proclamato ufficialmente presidente della Regione Campania dall’Ufficio elettorale della Corte d’Appello di Napoli. Il neo governatore non era presente. Ora l’iter della sospensione sarà avviato dal tribunale di Salerno che ha emesso la sentenza di condanna per abuso d’ufficio. Il tribunale dovrà inviare gli atti al Prefetto di Napoli per dare il via al percorso in esecuzione della legge Severino che vieta ai condannati di poter esercitare una funzione pubblica. Ricevuta la sentenza il prefetto Gerarda Pantalone provvederà ad inviarla alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. La sospensione vera e propria deve essere firmata dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e inviata poi al prefetto che la notificherà all’interessato. De Luca potrà presentare ricorso al tribunale ordinario civile e la sospensione potrà essere confermata o congelata con invio degli atti alla Corte Costituzionale come accaduto per esempio al sindaco di Napoli, Luigi De Magistris. Polemiche a fiumi con l’avvocato dei 5 Stelle che sostiene: “Il presidente della Regione Campania è stato proclamato già sospeso”.