Canada, nessun commando. Il killer era solo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Non c’è stato nessun commando armato. E nessun complice nell’attentato di ieri in Canada. Si chiamava Michael Zehaf-Bibeau, un 32enne che si era convertito recentemente all’Islam, l’aggressore di Ottawa. Ucciso da un funzionario della Camera dopo che aveva fatto fuoco uccidendo anche un soldato. La vittima dello scontro a fuoco è italo-canadese Nathan Cirillo, di 24 anni, che si trovava di guardia davanti al Memoriale nazionale. L’aggressore aveva una lunga serie di precedenti penali. Dall’aggressione alla rapina, passando per la droga e altri reati legati alle armi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è un fallimento

Continua »
TV E MEDIA