Cantone non ha dubbi. Le tangenti restano un’emergenza. “Ci sono poco più di 200 condanne per corruzione all’anno e allora qualcuno sostiene che non sia un grande problema”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

C’è poco da fare, le mazzette sono uno dei problemi maggiori d’Italia. “Credo che non tutti pensano che la corruzione sia un problema in questo Paese. Da una parte significativa del Paese c’è l’idea di sottovalutarla” ha sottolineato Raffaele Cantone, magistrato ed ex presidente dell’Associazione nazionale anticorruzione. “Negli ultimi anni ci sono poco più di 200 condanne per corruzione all’anno e allora qualcuno sostiene che non sia un grande problema del Paese ma non è assolutamente corretto”. Anzi per l’esperto magistrato “la corruzione è un problema diffuso che riguarda tutta l’Italia ovviamente in modo diversificato” ma, cosa ben più grave, “in Italia non esistono zone corruption free anche se ci sono realtà nelle quali sono più alti gli anticorpi”.