Capitali esteri, ecco la sanatoria per riportare in Italia denaro e beni nascosti fuori dalla penisola. Via libera del Senato alla “voluntary discolsure”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Via libera dell’aula del Senato al disegno di legge sul rientro dei capitali con 119 sì, 61 no e 12 astenuti. Il disco verde è definitivo perché il provvedimento è stato approvato senza modifiche rispetto al testo arrivato dalla Camera. La misura centrale è la “voluntary disclosure” per il rientro e la regolarizzazione di capitali e l’introduzione nel codice penale del reato di autoriciclaggio. Dal provvedimento, stime accreditate (seppure non ufficiali) riferiscono di un possibile incasso di 6 miliardi e mezzo. Con questa legge, chi avesse commesso violazioni fiscali e nascosto denaro o beni all’estero o in Italia può far emergere le somme con un’autodenuncia, attraverso la cosiddetta voluntary disclosure: l’evasore dovrà pagare tutte le tasse evase ma avrà sconti su sanzioni-interessi e non verrà perseguito per il nuovo reato di autoriciclaggio.