Cappellacci condannato. L’ex Governatore della Sardegna si becca due anni di carcere per il crac della Sept Italia

dalla Redazione
Cronaca

L’ex presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci (Forza Italia), è stato condannato a 2 anni e sei mesi nel processo per il crac della Sept Italia, società specializzata nella produzione di vernici con sede a Cagliari fallita nel 2010. L’accusa rivoltagli è quella di bancarotta.

Assieme a lui, con lo stesso capo d’imputazione, è stato condannato anche il sindaco di Carloforte (Sulcis), Marco Simeone: i giudici del tribunale del capoluogo sardo gli hanno inflitto 9 anni di carcere e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Alla lettura della sentenza Simeone è stato colto da un leggero malore. Due anni e 6 mesi sono stati inflitti pure all’avvocato Dionigi Scano.

Risale al 2010 il crac della Sept, l’azienda di vernici di Carloforte (Sulcis), arrivato in procura dopo essere passato al vaglio del tribunale fallimentare. Decisamente complesso il quadro d’indagine che comprendeva quasi tredici anni di attività della Sept e di una galassia di società collegate. Una mole di documenti e di fatti setacciati dalla Guardia di finanza che, coordinata dal pm Giangiacomo Pilia, ha contestato distrazioni di somme e beni, con intrecci fra le societa’, fatturazioni per operazioni dubbie, rimborsi e spese rendicontante in modo opaco. A più di tre anni dal rinvio a giudizio, è arrivata la sentenza per gli imputati.